Da Milano a Oslo - KeepBrave - Paola Gianotti

Vai ai contenuti

Menu principale:

IMPRESE
Route 3.374.762 - powered by www.bikemap.net
Da Milano ad Oslo pedalando.
Obiettivo: Una pedalata verso Oslo per la candidatura della bicicletta come premio Nobel alla pace
Km: 2.000
Partenza: 16 gennaio
Arrivo a Oslo: 29 gennaio
Organizzazione: Radio 2 Caterpillar con Giro Libero
2.000km di pedalata per un nobile motivo!
PERCHE'

  • La bicicletta è il mezzo di spostamento più democratico a disposizione dell’umanità
  • Permette a tutti di muoversi, poveri e ricchi. Riduce le differenze sociali.

  • La bicicletta non causa guerre
  • Riduce il bisogno di petrolio ed i conflitti si fanno spesso per il petrolio

  • La bicicletta cambia il modello di sviluppo
  • Ogni chilometro pedalato genera un beneficio di 16 centesimi di euro per la società, ogni chilometro percorso in auto provoca un danno di 10 centesimi. (Copenhagen Bicycle Account)

  • La bicicletta causa meno incidenti stradali
  • Più di un milione di persone muoiono ogni anno nel mondo per incidenti stradali causati dal traffico motorizzato. La bicicletta uccide raramente.

  • La bicicletta non inquina risparmiando le persone dal rischio di malattie e i sistemi sanitari dai costi delle cure.
  • La bicicletta aiuta a restare in salute.

  • La bicicletta è stata un strumento dei movimenti di liberazione e resistenza di molti paesi
  • In Italia, durante l’ultimo conflitto, è stata il mezzo di trasporto privilegiato dalle staffette partigiane.
  • Gino Bartali ha trasportato con la sua bicicletta documenti falsi che hanno messo in salvo ottocento ebrei perseguitati dal nazifascismo

  • La bicicletta è un strumento di crescita per l’infanzia
  • Rende i bambini autonomi e indipendenti

  • La bicicletta elimina le distanze fra i popoli
  • I cicloviaggiatori sono accolti ovunque con favore: la bici è un mezzo che comunica rispetto e avvicina le persone e le culture.

La bicicletta “È la chiave di movimento e lettura delle grandi città. Un contributo sociale. E non ha controindicazioni. Fa bene al corpo e all’umore. Chi va in bici, fischietta, pensa, progetta, canta, sorride. Chi va in macchina, s’incattivisce o s’intristisce. La bicicletta non mi ha mai deluso. La bicicletta è sorriso, e merita il Nobel per la pace”.
(Alfredo Martini, Marco Pastonesi, La vita è una ruota, Ediciclo, 2014)
 
PAOLA GIANOTTI P.IVA: 10963470017
Torna ai contenuti | Torna al menu